Roberto Frugone - Appunti di viaggio (1996)

TRA LA RUGIADA E IL SOLE

Musica & parole di Roberto Frugone – Tutti i diritti riservati ® S.I.A.E.

Venne l’Inverno e un vento che porta tutto via:
era a fine del mondo, per il mondo era soltanto la tua.
Sanguinava il futuro: non volevi credere…
Anche il diamante più duro è fatto di polvere.
Sarà come la galleria di un treno che non ferma più qua,
ma io dall’altra parte della ferrovia
ho ancora un sogno, ancora una realtà.

È così la morte o è la mia follia?
E chi non ama vivere potrà mai capire?
Dio t’aveva scritto dentro una poesia.
(Laggiù) Oltre il crepuscolo, alle fronde dei salici nessuno piange più,
e tu insegnami il segreto del mare
e l’amore che c’è tra la rugiada ed il sole.

Gridano tutti, qui, e non si sente nessuno,
la paura ci ha chiuso gli occhi: muori sempre solo…
Una vita, un bisogno… e la mia vita chiede lei,
splendida alchimia di un porto per il mare e una collina in città,
io credo che, in fondo a questa ferrovia,
rugiada e sole sono un’unica realtà.

(dall’album Appunti di Viaggio con 11 tracce originali prodotto da Roberto Frugone nel 1996)

MUSICISTI

► Roberto Frugone – voce, pianoforte, chitarra folk, tastiere e programmazione
► Paolo Banchero – fisarmonica

roberto-frugone-appunti-di-viaggio

CREDITI

  • Musiche, parole e arrangiamenti di Roberto Frugone
  • Registrato e mixato da Enrico Pianigiani
  • Illustrazione di Marta Rocca
  • Foto di Flavio Stagnaro
  • Prodotto da Roberto Frugone

APPUNTI DI VIAGGIO (1996)

  1. I fiori del Re
  2. Voyager il cercatore di stelle
  3. Bucaneve
  4. No!
  5. Tra la rugiada e il sole
  6. Controvento
  7. Notturno per voce sola
  8. Metropolis
  9. Un piatto di tartufi
  10. Il canto del cigno