Roberto Frugone - Ultreia! (2002)

MILLE FRANCHI

Musica & parole di Roberto Frugone – Tutti i diritti riservati ® S.I.A.E.

Ammiâli ben into muru
primma chi cangio de man
sti mille franchi chì i no dixo ninte
comme mi piccòu inta teu contrâ,
che g’ò mille franchi inta stacca e tutto da accattâ,
mille franchi succidi che ti ghe peu spuâ,
ma i son mille franchi chi l’an visto de cose
che ti manco ti se… che ti manco ti se…

I l’an portòu do pan pe unna töa,
i l’an accatòu di libbri p’andâ a scheua,
de reuse pe-e galanti e pe-e scignoe
e pe-i figgeu fugasse e nisseue,
i l’an accatòu di scceuppi pe ammassâse in goera,
di picchi e de scoriatte pe scciappâse a scheña,
sti mille franchi pe arröbâ doì baxi
e un etto d’amô… e un etto d’amô…

Comme l’ægua ch’à gia into moìn
mille franchi i schiggio pe-o mondo comme mì.
Comme l’ægua ch’à çerca o mâ
mille franchi, mille gente sensa unna cà.

Io prego forte che nessun soldo
mai possa rosicchiarmi il cuore
ma che ancora una chitarra libera
sappia sventolarmi il sole,
perché forse siamo niente come queste mille lire
ma ognuno ha la sua storia da far naufragare il mare!
Nella fiera dove tutto ha prezzo e niente vale
io mi regalo a te… Io mi regalo a te!

Comme l’ægua ch’à gia into moìn
mille franchi i schiggio pe-o mondo comme mi
Comme l’ægua çerchiò o mæ mâ
e mæ tre palanche e stragiò pe quarcosa ch’à no poese moî!

Cartolina Roberto Frugone - Mille franchi

MILLE LIRE (traduzione del dialetto genovese)

Guardali bene in faccia, prima che cambino di mano
queste mille lire che non dicono niente, come me finito nella tua contrada,
che ho mille lire in tasca e tutto da comprare,
mille lire sudicie che ci puoi sputare,
ma sono mille lire che hanno visto cose che tu neanche sai…
che tu neanche sai…

Hanno portato del pane su una tavola,
hanno comprato dei libri per andare a scuola,
dei fiori per le fidanzate e le signore
e per i bimbi focacce e confetti.
Hanno comprato dei fucili per ammazzarsi in guerra,
dei picconi e delle falci per rompersi la schiena,
queste mille lire hanno comprato due baci e un etto d’amore…
e un etto d’amore…

Come l’acqua che gira nel mulino
mille lire scivolano sul mondo come me.
Come l’acqua che cerca il mare,
mille lire, mille genti senza una casa.

Io prego forte che nessun soldo mai possa rosicchiarmi il cuore
ma che ancora una chitarra libera sappia sventolarmi il sole
perché forse siamo niente come queste mille lire
ma ognuno ha la sua storia da far naufragare il mare!
Nella fiera dove tutto ha prezzo e niente vale io mi regalo a te…
Io mi regalo a te!

Come l’acqua che gira nel mulino
mille lire scivolano sul mondo come me.
Come l’acqua cercherò il mio mare
e i miei tre spiccioli li sperpererò per qualcosa che non possa morire!

(dall’album Ultreïa! – cd con 11 tracce originali prodotto da Roberto Frugone nel 2002)

MUSICISTI

Paolo Banchero – fisarmonica
Claudio Borghi – chitarra folk
Roberto Frugone – voce
Maurizio Ghirlanda – chitarra folk solista
Fabio Cassetta – basso
Enrico Di Bella – batteria, percussioni
Valentina Bragetti – flauto
Olivia Bertagna – voce

Roberto Frugone - Ultreia! (2002)

ULTREÏA! (2002)

  1. La macina
  2. Blue samba
  3. Il mio nome
  4. Pesca pescou
  5. Spostamenti sul confine
  6. Mi hanno parlato di autunni
  7. L’ultima parola
  8. Mille franchi
  9. La ballata del giglio
  10. Un giorno sulla terra
  11. Ultreia!

CREDITI

  • Musiche e parole di Roberto Frugone
  • Arrangiamenti di Claudio Borghi e Fabio Cassetta
  • Registrato e mixato da Enrico Pianigiani
  • Dipinti, disegni, foto e grafica di Maria Rocca
  • Prodotto da Roberto Frugone
  • ℗ 2016 Dughero Paolo Edizioni Musicali