Roberto Frugone - Un giorno sulla terra (1999)

CIANE ZERBIE

Musica & parole di Roberto Frugone – Tutti i diritti riservati ® S.I.A.E.

Vuriee cantàte a mee cansun ciù bela
cu e parolle da mee gente
de tutte quelle vitte in paxe e in guera
che nu cante mai nisciun perché i nu cuntu ninte
parlaa cui zueni de ottant’anni
che passe u mundu e lu i l’arestu lì
a cuntaa e macchine pou punte
pe quella strae che primma a nu passeia de chi…

Vuriee purtate pa a simma du munte
e chinaa zu dall’atra parte
pe recoegge di fiuri, de piante e in po du tempu
cu s’è afermou chi sensa dii ninte
ai veggi de vint’anni
pe quelle macchine pou punte
ch’i g’han ina vitta lì davanti
ma i nu l’ han mai siuou pe ninte

Vuriee poi vive pe sempre pe poi sempre vei
l’uiva ch’a nasce e l’uga ch’a moeue in tu vin
tutte e ciane zerbie e i tacchi ancù da sappà
a mee vitta ch’a passe ma a nu se ne voe anaa.
Vuriee esse l’ommu che nu sun mai stou
cu sa sempre cumme faa, cu te sa cunvinse
vuriee veite cu u toeu scialle*, vuriee u me lou
vuriee ancun carcosa da perde e da vinse.

Cartolina Roberto Frugone - Ciane zerbie

CAMPI INCOLTI (traduzione del dialetto genovese)

Vorrei cantarti la mia canzone più bella
con le parole della mia gente,
di tutte quelle vite in pace e in guerra
che non canta mai nessuno perché non contano niente,
parlare coi giovani di ottant’anni
che passa il mondo ma loro restano lì
a contare le macchine sul ponte,
su quella strada che prima non passava di qui.

Vorrei portarti sulla cima del monte
e scendere giù dall’altra parte
per raccogliere dei fiori, delle piante e un po’ del tempo
che si è fermato qui senza dire niente
ai vecchi di vent’anni
su quelle macchine sul ponte
che hanno una vita lì davanti
ma non hanno mai sudato per niente.

Vorrei poter vivere per sempre per poter sempre vedere
l’olivo che nasce e l’uva che muore nel vino
tutti i campi incolti e i solchi ancora da arare
la mia vita che passa ma non se ne vuole andare.
Vorrei essere l’uomo che non sono mai stato,
che sa sempre come fare, che ti sa convincere,
vorrei vederti con il tuo scialle*, vorrei il mio lavoro,
vorrei ancora qualcosa da perdere e da vincere.

*Quell’indimenticabile “toeu scialle” appartiene a mia nonna Anna

(dall’album Un giorno sulla terra – cd con 11 tracce originali prodotto da Roberto Frugone nel 1999)

MUSICISTI

► Roberto Frugone – voce, chitarra folk, pianoforte e tastiere
► Francesca Ceselli – voce
► Carlo Faraci Mahamed – chitarra elettrica e voce
► Mauro Perego – flauto
► Lelio Mollar – basso
► Michele Di Capita – batteria e shaker

Roberto Frugone - Un giorno sulla terra

UN GIORNO SULLA TERRA (1999)

  1. Salomè
  2. Ninno (nonno Vittorio racconta in dialetto genovese)
  3. Ciane zerbie
  4. Zapping
  5. Prima della pioggia
  6. Perché esistono le mosche
  7. Bimba brava, bimba bella (filastrocca in dialetto genovese)
  8. Lullaby* (versione italiana)
  9. Totem
  10. Mister Supereroe
  11. Miracoli
  12. Lullaby** (versione inglese)

CREDITI

  • Musiche e parole di Roberto Frugone
  • Arrangiamenti di Carlo Faraci e Roberto Frugone
  • Registrato e mixato da Enrico Pianigiani
  • Prodotto da Roberto Frugone
  • ℗ 2016 Dughero Paolo Edizioni Musicali