Roberto Frugone Band - Né asfalto né battistrada

FUORI TEMA

Ho sentito anche stasera mormorare alla televisione
la stessa vecchia fiaba che non c’è mai stata un’epoca o un secolo peggiore.
Allora sono uscito a fare quel che non consigliano, che non gradiscono:
quattro passi silenziosi nella notte da straniero, da clandestino.

E ho visto il cuore ferito del mondo, l’intermittenza della vita
e quelle mille cose inutili che abbiamo addosso, nella mente e negli armadi.
Ma ho visto molto, ma molto di più…
Molto più che pugnali e gioielli…

Soltanto un dubbio, lorsignori:
la vostra idea di cielo contempla ancora il temporale?
E se c’è terraferma, dopo tanto navigare,
è ancora ammesso – sbagliando – l’amore,
per noi, formiche tra le cicale,
che abbiamo vite già viste e il nostro bene lo diciamo male?
Siamo l’immensa schiera dei poeti fuori tema,
l’asfalto sotto il vostro battistrada.

E la polvere ricade invisibile e tranquilla dove hai lucidato ieri,
la pioggia è sempre un po’ più in alto delle previsioni e dei fattucchieri.
Ma la vedete questa strada che svolta all’improvviso? È sempre misterioso
il prodigio mattutino del mio amore, il profilo irregolare del suo viso!
Ah, se solo per un giorno la provassimo a seguire
la linea d’orizzonte dietro gli svolgimenti per voi sempre fuori tema,
vedremmo molto, ma molto di più…
Molto più che pugnali e gioielli…

Io non vi metto in dubbio, lorsignori,
ma la vostra idea di cielo contempla ancora il temporale?
E se c’è terraferma, dopo tanto navigare,
è ancora ammesso – sbagliando – l’amore,
per noi, formiche tra le cicale,
che abbiamo vite già scritte e il nostro bene lo diciamo male?
Siamo l’immensa schiera dei poeti fuori tema,
l’asfalto sotto il vostro battistrada.

Sul treno perso per Natale, nella pozzanghera sul viale,
sul gradino rotto delle scale appena messe a nuovo,
nel vino buono con l’aceto, nella vertigine del vuoto
e nella grandine che cade sulle gemme che ho curato,
se il finale è già deciso voglio stare fuori tema:
né asfalto né battistrada.
Né asfalto, né battistrada.
Né asfalto, né battistrada.

(dall’album Né asfalto né battistrada – edizione digitale con 12 brani live prodotto da Dughero Paolo Edizioni Musicali nel 2016)

ASCOLTA IL BRANO SU SPOTIFY

MUSICISTI

  • Gianteo Bordero – basso elettrico
  • Roberto Frugone – voce, pianoforte e tastiere
  • Luca Laurino – batteria
  • Daniele Lagomarsino – chitarra elettrica
  • Clara Sambuceti – voce solista
Roberto Frugone Band - Né asfalto né battistrada
Roberto Frugone Band – Né asfalto né battistrada

TRACCE

  1. La ballata del giglio – live (pagina testo versione studio)
  2. Brezza e temporale – live (pagina testo versione studio)
  3. La macina – live (pagina testo versione studio)
  4. Fuori tema – inedito live
  5. Un giorno sulla terra – live (pagina testo versione studio)
  6. Il mio nome – live (pagina testo versione studio)
  7. L’arrivo della sera – live (pagina testo versione studio)
  8. Sulle ali dell’aurora – live (pagina testo versione studio)
  9. Pesca Pescou – live (pagina testo versione studio)
  10. Ultreïa! – live (pagina testo versione studio)
  11. A piedi nudi – inedito live
  12. L’ultima parola – live (pagina testo versione studio)

CREDITI

  • Musiche e parole di Roberto Frugone
  • Arrangiamenti della Roberto Frugone Band
  • Registrazioni e mixaggio live di Fulvio Fusaro – Artemusica
  • Artwork di Roberto Frugone
  • Prodotto da Dughero Paolo Edizioni Musicali ℗ 2016